Vinci e la Toscana di Leonardo
di Monica Conforti
Una sala del Museo Leonardiano a Vinci
Fra un incanto di vigne e olivi, Vinci si trova a 40 chilometri da Firenze sulle pendici del Montalbano. Un tempo la cittadina era soltanto un possedimento dei Conti Guidi con il suo Castello, dalla caratteristica forma ellittica che ricorda la sagoma di una nave, a dominare l'intero abitato. Il 15 aprile del 1452 in una modesta dimora rurale a tre chilometri dal castello nacque un bimbo di nome Leonardo. Il genio assoluto. E il borgo toscano diventò in breve famoso in tutto il mondo. Leonardo, in verità, lavorò sempre lontano da casa, ma oggi una visita al suo paese natale permette di apprezzare gran parte delle sue invenzioni.



Nel castello dei Conti Guidi e nella adiacente Palazzina Uzielli è stato infatti allestito il grande Museo Leonardiano (www.Museoleonardiano.it) con una delle più ampie raccolte di macchine e modelli frutto dello studio del Leonardo tecnologico e ingegnere accompagnate da tabelle esplicative con riferimenti a schizzi e annotazioni dell’artista. Fra le molte invenzioni in mostra spiccano le macchine per il volo e da guerra a in scala 1:1, quelle da cantiere concepite per la realizzazione di opere come la Cupola del Duomo di Firenze di Filippo Brunelleschi, gli oggetti nati dagli studi sull'ottica e, ancora, gli strumenti raccolti nella sezione dedicata alle tecnologie tessili.



Nella piazzetta panoramica accanto al castello si trova la grande scultura lignea di Mario Ceroli che interpreta l’immagine dell’Uomo vitruviano di Leonardo. Una comoda passeggiata nel verde di circa 3 chilometri porta fino alla frazione di Anchiano, dove si trova la casa natale di Leonardo (http://www.casanataledileonardo.it). Ristrutturata di recente, dallo scorso mese di giugno consente un interessante viaggio nell'opera pittorica e grafica del genio realizzato facendo ricorso a un allestimento multimediale e interattivo. L'applicazione «Leonardo Touch» consente, tra l'altro di ammirare l'ologramma di Leonardo a grandezza naturale e di conoscere oltre all'inarrivabile pittore e inventore anche l'uomo legato alla natura e alle sue radici.



Tornati nel borgo si può ancora visitare la Biblioteca Leonardiana (www.bibliotecaleonardiana.it) ricca di documentazione di grande valore storico e scientifico.

Per informazioni: Terre del Rinascimento, Via della Torre 11, Vinci (FI); tel. 0571.568012; http://www.terredelrinascimento.it





I NOSTRI CONSIGLI

Agriturismo Casa Carbonaia, via Santa Lucia 11, Vinci (FI); tel. 348 7911215‎ www.casacarbonaia.com

A breve distanza dalla casa natale di Leonardo, dispone di appartamenti di varie dimensioni ricavati in antiche case rurali. Possibilità di noleggio mountain bike e di gite accompagnate nella zona. Quote: da 84 euro a notte per appartamento a 4 posti letto.



Ristorante Borgo Allegro, via Renato Fucini 20, Vinci (FI), tel. 0571.567866; www.borgoallegro.it

Cucina con degustazione di piatti tradizionali legati alla stagione e alla produzione locale. Vicino al Museo leonardiano. Menu, da 25 euro.
DIVENTA FAN DEL MATTINO
Vinci e la Toscana di Leonardo
Planisfero
Fotogallery