Bici gratis su tutti i treni d'Italia a Pasquetta per la giornata "Bicintreno"
di Cristina Montagnaro
«Le discese ardite e le risalite»​ cantava in una celebre canzone Lucio Battisti, ed è forse con questa strofa in mente, che molticicloturisti saliranno in sella alla loro bici, la caricheranno sul treno e raggiungeranno le mete prestabilite per una gita fuori porta, nel giorno di Pasquetta, alla scoperta di dolci colline, vigneti e bei casali.



Tutto questo sarà possibile il 21 aprile, giornata nazionale bicintreno, promossa dalla Fiab, la Federazione italiana amici della bicicletta e Ferrovie dello Stato. Si potranno trasportare gratuitamente le biciclette sui treni di tutta Italia e qualora si voglia, partecipare pagando una piccola quota ad escursioni in bicicletta, organizzate in ogni regione.



L’idea è nata nel 2001, grazie alla Fiab e si estende su tutto il territorio nazionale e migliaia sono le persone che ogni anno partecipano all’iniziativa.

La prova non è così faticosa, perché grazie al treno si può raggiungere la città d’arte, più vicina e andare poi con la bici alla scoperta di percorsi suggestivi. Un’esperienza unica non solo per i cicloturisti, ma anche per famiglie e amanti delle due ruote.

Tra gli itinerari più belli ci sono: quello di Arezzo alla volta di Montevarchi per visitare il parco d’arte Bum Bum Ga, in cui convivono arte e natura, quello di Firenze, che organizza la gita da Lucca a Viareggio, quello di Lodi per visitare la Certosa di Pavia. In Sicilia poi si potrà visitare la cooperativa sociale, sorta da un bene confiscato alla mafia a Partinico, in provincia di Palermo. Nel Lazio ci sarà il percorso da Ladispoli a Ceri.



«A Pasquetta tutti in bicicletta con il treno, tanto la bici viaggia gratis» afferma il presidente dell’associazione Giulietta Pagliaccio.«Questa iniziativa è pensata anche per incentivare l’utilizzo della bici tutti i giorni, perché l’intermobilità bici treno ci permette di fare lunghi percorsi. Purtroppo ci sono ancora enormi difficoltà per portare la bicicletta sul treno tutti i giorni».



L’associazione per l’occasione ha lanciato anche l’hashtag su twitter #bicintrenotuttigiorni.

«Con qualche aggiustamento nelle stazioni e sui vagoni si potrebbe dotare anche l’Italia di un servizio ferroviario per i cicloturisti, degno delle migliori esperienze europee», spiega Pagliaccio.

Il cicloturismo è infatti un settore crescente e ben radicato in paesi come la Germania e l’Austria e molti sono i viaggiatori che arrivano in Italia, per visitare in questo modo il nostro bel paese.

Secondo uno studio del 2012 del Parlamento europeo il giro d’affari del cicloturismo si aggira intorno ai 44 miliardi di euro, con oltre due miliardi di viaggi complessivi sulle due ruote e oltre venti milioni di pernottamenti in tutta Europa. «Il 2014 sarà l’anno del cicloturismo», assicura la Fiab.



E così per il giorno di Pasquetta ci si può trasformare, in cicloviaggiatori, facendo del bene sia all’ambiente sia a noi stessi. Per chi volesse maggiori informazioni sulle pedalate in bicicletta può consultare il sito internet www.fiab-onlus.it.
DIVENTA FAN DEL MATTINO
Planisfero
Fotogallery