Argentina, alla scoperta della città più a Sud del mondo: Ushuaia
di Francesca Spanò
Argentina, alla scoperta della città più a Sud del mondo: Ushuaia
Un piccolo paradiso di foreste di muschio e lo sfondo da cartolina offerto dalle Ande innevate, il cui profilo scivola verso il canale di Beagle. Ushuaia, in Argentina, è considerata la città più a sud del mondo ed è, oggi, una destinazione portuale in continua espansione. Il suo nome significa letteralmente “baia affacciata a ovest” e ci si può spostare facilmente a piedi per esplorarla.

Quando andare
Il periodo migliore per scegliere la destinazione riguarda la cosiddetta estate australe, che va da novembre a marzo. Questo perché le giornate sono lunghe e soleggiate ed è facile innamorarsi dei suoi luoghi più suggestivi e conoscere le abitudini locali. La popolazione è molto eterogena: si possono incontrare, infatti, coloro che sono arrivati di recente in cerca di opportunità economiche, ma anche discendenti dei pionieri che giunsero come coloni, esploratori o detenuti. Ancora prima, invece, vi abitava la popolazione yamanà di cui restano antichi manufatti. Chi, poi, vuole dedicarsi agli sport invernali, può prenotare tra luglio e settembre. In questo caso ci si può divertire sulle slitte trainate dai cani sui Monti Martial.
 
 

Emozioni ed escursioni
In questo angolo di Argentina, sono molte le escursioni avventurose o, al contrario, rilassanti che si possono organizzare. Ushuaia è costituita da diverse vie ripide punteggiate di edifici storici e caffè, ma si può anche prevedere un'escursione a piedi nel parco nazionale alla ricerca di conchiglie o spostarsi in barca verso l’Isla Martillo, per vedere da vicino la colonia di pinguini. A Ushuaia si trova pure Cerro Castor, la località sciistica più meridionale al mondo o il Tren del Fin del Mundo (il treno a vapore più meridionale della terra) o, infine, Estancia Haberton (l’allevamento di pecore più antico della Terra del Fuoco). Da vedere assolutamente ci sono il Museo Maritimo e il Museo del Presidio che sorgono nel carcere costruito dai detenuti deportati qui da Staten Island nel 1906. In celle singole ubicate nei corridoi, potevano stare fino a 380 persone anche se ne furono rinchiuse fino a 800. Altra idea da non perdere? Muoversi in barca lungo il Canale di Beagle, nello stretto verso sud circondato dalle montagne e dimora di leoni marini e cormorani.
 
DIVENTA FAN DEL MATTINO
​Argentina, alla scoperta della città più a Sud del mondo: Ushuaia
Planisfero
Fotogallery