La Lettonia arriva in Italia: una sfilza di prodotti tipici per presentarsi
La cultura non ha confini. Frase attuale più che mai oggi che le distanze geografiche si accorciano sempre di più. È toccato alla Lettonia, che abbraccia l’Italia portando se stessa e mettendosi sotto i riflettori dell’artigianato in Fiera a Milano. Così, l’enogastronomia e il turismo lettone si raccolgono sotto il titolo “Assapora la Lettonia”. Presenti gli chef Ēriks Dreibants e Juris Dukaļskis per un ristorante pop-up in cui si sono potuti assaggiare piatti tipici della tradizione baltica. 

Quella caratterizzata da una vasta produzione biologica e da prodotti che vanno dagli smoothie ai succhi, passando per la birra, sidro e la bevanda tradizionale di mele cotogne; ai piatti a base di pesci di fiume e lago come il persico e la lampreda, e quelli di mare come aringhe e sardine affumicate, a quelli di carne sia lavorata (salumi) sia da cucinare, con il pregiato cervo a farla da padrone. Infine formaggi, funghi, pane di segale e biscottini alle spezie natalizi. E ancora i piselli grigi lettoni, gli Spratti (le sardine), il merluzzo e dolci come la torta Cielavina o il cremoso di formaggio al balsamo di Riga e terra di Rupjmaize.

Il tutto in vista dei grandi festeggiamenti attesi per il 2018 per i 100 anni dalla fondazione. A intervenire anche le istituzioni. Presenti Artis Bērtulis, Ambasciatore della Repubblica di Lettonia in Italia, e Gabriele Alberti, Amministratore Delegato e Direttore generale de “L’Artigiano in Fiera”. 

Tutti gli eventi rientrano nel programma dei “Giorni della Lettonia in Italia”, organizzati dall’Agenzia per gli Investimenti e lo Sviluppo della Lettonia (LIAA) in collaborazione con l’Ambasciata della Repubblica di Lettonia in Italia, a coordinare tutto il lavoro Andra Minkeviča, Capo della Rappresentanza in Italia della LIAA, l’agenzia governativa lettone per la promozione dello sviluppo delle imprese.
DIVENTA FAN DEL MATTINO
Planisfero
Fotogallery