Dormire in un faro in Finlandia: sull’isola di Kylmäpihlaja l’atmosfera è senza tempo
di Francesca Spanò
Quando si è pronti ad ascoltare il suono del silenzio interrotto solo dal canto degli uccelli e dall’alternarsi inesorabile del giorno e della notte, la natura inizia a sussurrare direttamente al cuore. E racconta di un microcosmo senza tempo che abbiamo dimenticato, persi in polverose città e bloccati da stress e milioni di impegni. Ritrovare se stessi e il contatto con la vegetazione è, però, un’esperienza rigenerante e assolutamente da provare periodicamente.
 
 

La Finlandia è uno di quei luoghi al mondo dove, specie sfruttando le temperature estive meno rigide, si può andare in cerca di angoli idilliaci e solitari e scoprire di più su dove nidificano diversi tipi di volatili. L’alternativa top, in questo senso, può essere quella di dormire in un faro, ma non uno qualunque. Quello di Kylmapihlaja regala delle ore indimenticabili per diversi motivi, non ultimo perché si tratta di uno dei pochi nel Paese e non avere un B&B annesso. In pratica, quindi, si pernotta direttamente dentro alla torre, ancora in funzione.

Curiosità e dettagli: come arrivare, quanto restare, i segreti del faro

Con il taxi d’acqua si arriva all’isola di Kylmäpihlaja, un tratto di terra emersa grande quanto un fazzoletto con alcune zone riservate alla nidificazione degli uccelli. Il consiglio è sempre quello di vestirsi a cipolla e portare abiti caldi, soprattutto la sera quando le temperature scendono parecchio. Nei mesi compresi tra luglio e agosto, poi, prenotare è un'idea grandiosa perché non viene mai la notte e il cielo si colora di diverse gradazioni di arancio, rendendo la visita dell’area fantastica. A qualunque ora. Essendoci pochissime attività, quasi tutti si fermano per due o tre giorni, con la certezza che il ricordo resterà vivo nel cuore per sempre. Per attraccare in questo idilliaco paradiso naturalistico, basta giungere in auto presso il camping Poroholma di Rauma, dal quale parte il servizio di navi da e per la destinazione.

Un sogno vista mare

Sembra di trovarsi dentro ad un quadro di fronte ad un orizzonte infinito di acqua in quello che è parte del Parco Nazionale del Mare di Botnia, fortificato dal vento che lo attraversa costantemente, specie al crepuscolo. Pieno di vita, è abitato soprattutto da gabbiani e oche grigie ma non solo.

Dormire nella torre del faro

Coppie, single o gruppi possono essere ospitati direttamente nella torre che dispone di 13 camere, di un ristorante a 30 posti, di una caffetteria da spiaggia, di un negozio di souvenir, di 2 saune, di una vasca idromassaggio all'aperto e di una banchina per gli ospiti. Non è sempre possibile andare: quest’anno sarà disponibile il pernottamento fino al 27 agosto e se si raggiunge il numero anche a settembre.

Il ristorante, la marina e l’hotel

Nel corso della bella stagione, si può accedere al ristorante sin dalle prime ore del mattino e fino alla sera. Si può usufruire di una deliziosa colazione e di pranzo e cena à la carte. All’esterno esiste un porto protetto per le navi e le piccole imbarcazioni e sulla spiaggia c’è un negozio per acquistare qualche ricordino. Tutte le stanze hanno la vista mare, sono decorate in stile nautico e sei sono dotate di due letti separati, mentre sette hanno doppi servizi. Ad ogni piano, si può trovare il bagno o la doccia, esterni alla camera. Per un evento speciale, si può prenotare la lussuosa suite con finestre in quattro direzioni e balcone.

Una fuga romantica

L’isola appartata, con la sola compagnia degli uccelli, del vento e del mare è una possibilità rara in Finlandia. Questo perché quasi tutti i fari da queste parti sono automatizzati ma non abbandonati e sono diventati mete di turismo di massa. Questo però è del tutto differente.

La sua storia

Risale al 1953 e si trova a soli 45 chilometri dalla costa. La sua particolarità è che si dorme proprio nella stessa costruzione e qui c'è anche il ristorante. Quest’ultimo è famoso per le pietanze superbe che offre, tanto che molti ospiti approdano in loco da lontano, solo per uno squisito pasto.

Come arrivare in Finlandia

In aereo può essere comodo iniziare il tour da Helsinki con partenze da Roma (e non solo) con Blue Panorama o Finnair (compagnia di bandiera locale). Quest’ultima, è stata confermata per l’ottavo anno consecutivo, la migliore compagnia del Nord Europa. Per l’inverno 2017-2018 potenzierà, inoltre, i voli da Helsinki a Rovaniemi, portando a 30 frequentze settimanali le tratte verso la Lapponia.

Per tutte le altre info in tempo reale, si può dare una occhiata a visitfinland.

Photo Credit: Francesca Spanò
 
 
DIVENTA FAN DEL MATTINO
Dormire in un faro in Finlandia: nell’isola di Kylmäpihlaja l’atmosfera è senza tempo
Planisfero
Fotogallery